CARNEVALE DI CAPRIGLIA IRPINA

La manifestazione carnevalesca è nata nella seconda metà dei Seicento a Napoli e da qui si è diffusa in provincia quando venne vietata nella capitale per i contenuti licenziosi durante l’Ottocento.La scenetta comica con tipi fissi, solo uomini, anche travestiti da donne, essendo ad esse vietata la partecipazione pubblica, era accompagnata da musica, i cui testi arricchiti da letteratura scritta, si è tramandata nella forma assunta a Napoli in epoca vicereale e successivamente trasformata nella provincia e nei piccoli centri dove tuttora sopravvive. I protagonisti della Zeza sono Pulcinella, Zeza, Porziella, Don Zinobio, il Marinaio, e viene raccontata della storia d’amore contrastata tra Porziella, figlia di Zeza e Pulcinella, e il marinaio e la volontà di Pulcinella di maritare la figlia col medico Don Zinobio

Comune di Capriglia Irpina
Country: ITALIA-ITALY
City: Capriglia Irpina
e-mail: lazezadicaprigliairpina@gmail.com
www: www.comune.caprigliairpina.av.it

     

 


 

Date

Dal 31.01. 2016 al 17.02.2016 e tutta la settimana di carnevale. Giorno di fine: il martedì grasso.

 


 

Ritual

L’elemento rituale rilevante del Carnevale è la manifestazione della Zeza . Si tratta di una farsa dialettalòe una scenetta comica con maschere e tipi fissi e musica tradizionale folcloristica che prosegue le tradizioni del carnevale seicentesco napoletano, sospeso nell’Ottocento per i divieti ufficiali borbonici, “per le mordaci allusioni e per i detti troppo licenziosi ed osceni”. La Zeza,è una azione scenica, totalmente cantata e accompagnata da musica e veniva rappresentata nei cortili dei palazzi, nelle strade, nelle osterie e nelle piazze, a causa di questi divieti si spostò più nell’entroterra, dove è sopravvissuta fino ad oggi e rappresenta una pietra miliare del teatro popolare campano, sul quale esiste una vasta letteratura scritta e una vasta diffusione mediatica.

Creative industry

La vera attività artigianale si concentra sugli abiti di scena su cui l’Associazione ha fatto un investimento imponente negli ultimi anni decidendo di realizzarli e custodirli direttamente dopo che alla fine degli anni novanta la vecchia generazione di “zezaiuoli” decise di ritirare dalla scena i vecchi abiti usati fino a quel momento. I costumi, tutti realizzati manualmente e di pregevole fattura, riproducono esattamente quelli della tradizione settecentesca e rappresentano il primo grande patrimonio materiale custodito a Capriglia Irpina sul tema del Carnevale.

Public space singular elements

La Zeza di Capriglia si svolgea nelle piazze, nei palazzi, nelle strade e nelle osterie e manifesta ancora oggi i caratteri tipici delle zone rurali del territorio irpino; infatti la manifestazione carnevalesca non si rinchiude nei confini comunali ma si espande ai comuni viciniori. Dal 2012 l’esperienza caprigliese si intreccia costantemente con i nove carnevali irpini che si uniscono in unico marchio per dar vita ad un evento itinerante nel nome della migliore tradizione carnevalesca irpina. Questo marchio è il Carnevale Princeps Irpino che dà il nome alla manifestazione che si propone di creare un grande evento itinerante, che dal gennaio 2013, porta in strada oltre 500 figuranti.